Il Castello e il Bosco della Mesola

castello-mesola-delta-po-comacchio

Se state organizzando un viaggio alla scoperta delle bellezze naturali e storiche del nostro territorio dovete assolutamente fare tappa al Gran Bosco della Mesola e al suo Castello, l’ultima delle Delizie Estensi (patrimonio dell’Unesco dal 1999).

Qui, in un’atmosfera che sembra provenire da un tempo passato e pieno di leggende, potrete incontrare cervi, daini e i moltissimi animali che popolano il bosco.

L’intera area boschiva è stata acquistata nel XV dagli Estensi, che hanno deciso di trasformarla in una ricca riserva di caccia. L’idea dei signori di Ferrara era costruire una nuova Delizia che avesse al tempo stesso un importante ruolo difensivo contro la potentissima Repubblica di Venezia e tutte le caratteristiche per garantire momenti di svago all’intera corte.

Il Duca Alfonso II, promotore della sontuosa costruzione, voleva essere ricordato per un’opera che potesse competere con il più antico Castello Estense di Ferrara. Per questo motivo ha assunto i migliori architetti e ingegneri dell’epoca, riuscendo in soli 5 anni a costruire il bellissimo Castello e una cinta muraria di oltre nove miglia.

La struttura compare oggi integra in tutto il suo splendore e ospita eventi, convegni e manifestazioni di vario genere. Nelle sale interne potrete ammirare suggestive testimonianze del suo passato: affreschi e decorazioni originali, un albero genealogico e lo stemma araldico degli Estensi, cartografie che riproducono la storia della tenuta. Nei piani superiori potrete inoltre trovare un percorso che approfondisce la storia e le culture del Delta del Po e il Museo del Bosco e del Cervo della Mesola.

E dopo aver studiato la storia del Cervo delle Dune (o della Mesola) non c’è niente di meglio che andare a cercare questo magnifico animale, unico in Italia, all’interno della Riserva Naturale. Il bosco può essere esplorato a piedi, in bicicletta o anche con un originalissimo trenino elettrico, che permette di raggiungere zone solitamente inaccessibili.

Programmate una visita durante le prossime vacanze, resterete affascinati da questi luoghi!

0 commenti 16.11.2016 at 13:50
Condividi:

Commenti

YIl tuo nome
Messaggio