Alla scoperta della Salina di Comacchio e della Torre Rossa

saline-comacchio-parco-delta-po-costa-adriatica

Nel nostro territorio ci sono moltissimi luoghi dal fascino straordinario e senza tempo, dove potersi immergere nella natura incontaminata del Parco del Delta del Po. Oggi vogliamo portarvi alla scoperta delle saline di Comacchio e della suggestiva Torre Rossa, vero e proprio simbolo del luogo.
L’area di Comacchio è riconosciuta come fornitrice di sale dell’Italia settentrionale fin dall'antichità e molte potenze hanno cercato di impossessarsene: dalla Repubblica di Venezia agli Estensi e ai Ravennati. A partire dal XVII secolo le saline di Comacchio sono state parte dello Stato Pontificio e hanno preso la loro conformazione attuale sotto il governo di Napoleone, quando sono entrate a far parte della Repubblica Cisalpina.

In questo territorio ricchissimo di storia non mancano certo le attrattive naturalistiche. L’intera area è un’oasi protetta fin dal 1979, la produzione di sale si è interrotta nel 1984 e ora può essere considerata il cuore del Parco del Delta del Po. Moltissime specie di uccelli hanno scelto questo vero e proprio paradiso per svernare o per nidificare. Passeggiando nella salina potrete incontrare aironi, cormorani, fenicotteri, cavalieri d’Italia e altre centinaia di esemplari che rendono le Valli di Comacchio un luogo perfetto per tutti gli amanti del birdwatching.

Una delle postazioni privilegiate per osservare l’avifauna è l’affascinante Torre Rossa, recentemente restaurata e riaperta al pubblico. L’edificio si trova vicino all’ingresso della salina e dona al paesaggio un’atmosfera ancora più magica. Le origini della torre risalgono a un periodo precedente alla salina, quando il mare era molto più vicino, e poteva fare da guardia alla costa con i suoi bastioni difensivi (demoliti attorno al 1940). È stata costruita dal duca Alfonso I d’Este nel XVI secolo e era destinata ad ospitare i soldati.

Oggi la Torre Rossa è uno dei fiori all'occhiello del turismo comacchiese, punto di osservazione naturalistica e reperto storico di immenso valore, da visitare almeno una volta. Approfittatene durante le vostre prossime vacanze!

0 commenti 07.10.2016 at 16:11
Condividi:

Commenti

YIl tuo nome
Messaggio